Rivista di etica e scienze sociali / Journal of Ethics & Social Sciences

 

 

 

Premessa del redattore: che cos'è il "reddito di base" (Basic Income)?

L'idea dietro il "reddito di base" è molto semplice: dare a tutti un reddito che sia sufficiente per vivere. Questo reddito non dipende dal lavoro svolto nell'economia, ma dipende solamente dalla cittadinanza. Secondo calcoli per i paesi ricchi, l'applicazione di un sistema del reddito di base avrebbe bisogno del 20% delle ricchezze prodotte dal paese; l'altro 80% resterebbe disponibile per il mercato. La cosa centrale da tenere in mente è che tutti riceverebbero questo reddito, anche se lavorano. In questo modo, i poveri non si trovano in una "trappola" dove la perdita dei sussidi di disoccupazione non è compensata da un salario sufficientemente alto, diventando quindi un incentivo a restare disoccupati. In più, come spieghiamo sotto, in un'economia avanzata dove probabilmente ci sarà una riduzione dei posti di lavoro retribuiti (grazie alla maggiore produttività della nuova tecnologia), dobbiamo trovare mezzi per permettere una vita dignitosa a tutta la popolazione che non siano collegati al lavoro.

 

1. La natura del lavoro sta cambiando
I cambiamenti tecnologici della "new economy" avranno i loro effetti principali sul lavoro, sulla disoccupazione e sulla partecipazione sociale. I cambiamenti saranno tanto drammatici quanto quelli della rivoluzione industriale. Molti di questi cambiamenti si centrano sull'adattamento di lavoratori alle nuove tecnologie e all'educazione permanente, entrambi elementi della flessibilità del lavoro. Un altro aspetto inevitabile della "new economy" è il declino della possibilità di "impiego a vita" e la crescita di rapporti d'impiego temporanei e a termine. A livello macro, questo si manifesta come una tendenza verso un alto tasso di disoccupazione nelle economie capitalistiche avanzate. Al livello micro, si manifesta come un aumento nel numero degli impieghi "atipici". Il compito principale del mercato del lavoro del futuro è di trovare i meccanismi giusti per assecondare le richieste della flessibilità della "new economy", appoggiando la posizione del lavoratore in un ambiente di alta mobilità del capitale e allo stesso tempo assicurando la condivisione dei vantaggi del progresso economico fra tutti i cittadini.

In questo discorso, tratteremo alcuni aspetti del mercato del lavoro al livello micro, in particolare l'importanza della flessibilità del lavoro e la crescita degli impieghi "atipici". Considereremo come una politica di reddito di base influisce sull'offerta e sulla domanda del lavoro, utilizzando il caso particolare dell'Irlanda. Uno dei punti caldi nel dibattito sul mercato del lavoro è l'influsso della sicurezza sociale sul funzionamento e i risultati del mercato. Onde fare questo, studieremo due indicatori, la "tax wedge" (il "cuneo fiscale") e il "replacement ratio" (il "rapporto di sostituzione"). Infine, discuteremo l'influsso del "reddito di base" sulla competitività dell'economia, prendendo l'Irlanda come esempio.

 

2. Flessibilità del mercato del lavoro
Uno degli argomenti chiave nelle discussioni della "new economy" è la flessibilità del mercato del lavoro. Da molti punti di vista, la flessibilità del mercato del lavoro è una spada a doppio taglio, particolarmente nelle economie molto influenzate dalla teoria del welfare State. Alcuni aspetti della flessibilità del mercato del lavoro sono precondizioni necessarie per essere capaci di competere nella "new economy". Comunque, è solamente attraverso la regolamentazione del mercato del lavoro, cioè attraverso la creazione di rigidità, che le economie capitalistiche avanzate hanno potuto innalzare lo standard di vita della maggioranza della popolazione e assicurare la condivisione equa dei vantaggi del progresso economico. Quindi, questo metodo che funzionava nel passato non è un'opzione indiscussa. Abbiamo bisogno di metodi nuovi che promuovono sia la competitività sia l'equità. La competitività si gioca, almeno in parte, sull'abilità della manodopera e delle imprese ad adeguarsi ai cambiamenti del mercato. Comunque, buona parte della crescita nella disuguaglianza del reddito è causato dai cambiamenti nei mercati del lavoro e, con le "regole del gioco" attuali, i fattori che promuovono la flessibilità e quindi la competitività promuovono anche la disuguaglianza del reddito e livelli più alti di povertà. L'attrazione del sistema del reddito di base è la sua promessa di permettere al paese di promuovere sia l'efficienza che l'equità, cioè, di promuovere livelli più alti di competitività e concedere a tutti una porzione dei vantaggi del progresso economico.

 

2.1 I tipi di flessibilità
La flessibilità del mercato del lavoro è un termine normalmente utilizzato in senso positivo; non capita di frequente sentire critiche a questo proposito, almeno per principio. Spesso, il termine è uno slogan e significa diverse cose per diversi gruppi interessati. Comunque, una cosa è sicura: quando un gruppo chiede ad un altro di essere più flessibile, sta cercando qualche concessione dall'altro gruppo. Quindi, la richiesta per una maggiore flessibilità del mercato del lavoro da parte delle imprese è un tentativo del capitale di prendere più potere sul processo produttivo. Si può assumere che la "new economy" esige questa ridistribuzione del controllo - sicuramente, la mobilità del capitale e di altri fattori nella globalizzazione hanno dato loro la possibilità di acquisire questo controllo - ma non dobbiamo dimenticare che ai lavoratori e ai cittadini, e alla società intera, è stato chiesto di concedere una parte del loro potere e della loro influenza. Qualche forma di aggiustamento istituzionale dovrà essere fatto per assicurare che questo trasferimento di potere non generi anche uno spostamento del rischio e dell'incertezza ai lavoratori e ai poveri, in modo che la flessibilità del mercato del lavoro si trasformi solo in insicurezza del mercato del lavoro.

Ci sono quattro tipi principali di flessibilità del mercato del lavoro che consideriamo in questo testo: i costi del lavoro; l'adattabilità; la mobilità; l'organizzazione dell'orario di lavoro e di produzione. Quando gli economisti parlano della flessibilità del mercato del lavoro, particolarmente quando si riferiscono alla disoccupazione, il loro concetto della flessibilità del lavoro è quasi sempre relativo ai costi del lavoro, specificamente la flessibilità dei salari. L'idea qui è che, quando la domanda per i lavoratori cala, i salari calerebbero, invece di avere un aumento nel tasso della disoccupazione (e quindi, si hanno effetti sui prezzi (price effects) invece di effetti sulle quantità (quantity effects)). Questa nozione pre-keynesiana assume che, se solamente esistesse la flessibilità dei salari, non potrebbe mai esserci la disoccupazione di massa. Keynes e la Grande Depressione hanno dimostrato quanto è sbagliata questa teoria (e la politica basata su di essa), e il senso comune ci dice con un po' di riflessione che quest'idea non funziona. Si può semplicemente immaginare il livello di incertezza nell'economia se il salario di ognuno di noi salisse e scendesse seguendo i cambiamenti del mercato (come il valore delle azioni o dei beni "di comodità").

Allo stesso tempo, è un dato di fatto che la flessibilità dei salari sta crescendo (Standing 1999). Una parte di questo fenomeno può essere visto nella crescita della disuguaglianza del reddito (causato dai cambiamenti nei salari reali relativi). Altri aspetti di questo può essere visto nell'uso aumentato di tariffe a cottimo invece di un salario fisso, così come nell'uso più diffuso del pagamenti di incentivazione (includendo opzioni di azioni, ad esempio) e la condivisione dei profitti. Ma la flessibilità dei costi del lavoro è più che la flessibilità del salario. I costi del lavoro sono determinati da diversi fattori: costi di gestione; costi fiscali (pagati al Governo); costi di formazione e di sicurezza; costi del ricambio di personale; costi di motivazioni; costi di produttività; costi di adattabilità; e costi del comportamento burocratico. Almeno una parte della discesa nei costi del lavoro nei paesi OCSE è causata dallo spostamento di alcuni di questi costi dalle imprese ai lavoratori o alla società. Ad esempio, il sistema educativo sussidia in larga misura i costi della formazione nell'impresa, e tanto più il sistema educativo è orientato ad essere una fonte di lavoratori formati, tanto più grande diventa questo sussidio. La sicurezza sociale, come vedremo in seguito con riferimento all'Irlanda, paga per una buona parte dei costi di sicurezza della produzione. Un reddito di base può essere visto come una compensazione per lo spostamento di questi costi. I vantaggi dei costi flessibili del lavoro vanno generalmente all'impresa. Una parte di questo vantaggio è quello di avere la capacità di fare aggiustamenti a nuove condizioni nel mercato, ma un'altra parte è meramente uno spostamento dei costi di produzione dall'impresa verso il lavoratore, i consumatori e la società, semplicemente perché le imprese hanno il potere di fare questo. Tale genere di flessibilità del mercato del lavoro non è positivo per la società, ma non è neanche necessario dal punto di vista tecnologico della "new economy"; è stato creato dalla mobilità aumentata del capitale nel contesto della globalizzazione e quindi è una realtà che deve essere affrontata.
Le altre forme della flessibilità del mercato del lavoro (l'adattabilità; la mobilità; e l'organizzazione dell'orario del lavoro e della produzione), sono tutte diventate componenti importanti nella "new economy" e vengono fuori dal bisogno di avere un sistema flessibile di produzione perché sia più competitivo. Comunque, anche loro possono diventare equivalenti ad uno spostamento dei costi dall'impresa verso i lavoratori e verso la società, a meno che sia creato qualche sistema per ridurre il rischio e l'incertezza dei lavoratori e dei cittadini e assicurare che tutti traggano beneficio dalla nuova tecnologia. Affinché tutti possano godere dei vantaggi delle nuove tecnologie, sarebbe necessario qualche sistema per la riduzione delle nuove incertezze che queste tecnologie creano. Aumentare la mobilità significa aspettarsi da tutti i lavoratori che cambino più spesso i loro posti di lavoro. Ma, devono avere i mezzi di sostentamento sempre, anche quando sono disoccupati, in attesa di un nuovo lavoro. Il sistema del reddito di base fa questo. Una forza lavoro più adattabile significa che gli imprenditori avranno bisogno di meno lavoratori, ma quelli che sono disoccupati devono avere i mezzi di sostentamento. Il sistema del reddito di base fa questo. La flessibilità dell'orario e dell'organizzazione della produzione significa che più lavoratori saranno lavoratori "atipici", cioè, lavoreranno solamente a metà tempo, o con contratti a termine o con qualche altro modo di lavorare che è meno che a pieno tempo. Ma questa gente deve avere i mezzi di sostentamento a tempo pieno; il sistema del reddito di base fa questo.

 

3. Cambiamenti dell'occupazione
La "new economy" richiede flessibilità che non era necessaria nella economia della produzione di massa (fordista) del ventesimo secolo. Questa flessibilità è stata istituzionalizzata nelle economie OCSE anche attraverso la crescita dell'occupazione "atipica" o attraverso forme non-standardizzate di occupazione. Le forme più diffuse dell'occupazione atipica sono: lavoro a metà tempo; lavoro casuale o temporaneo; consulenza; subappaltatori; lavoratori di un'agenzia; lavoratori a casa (homeworkers); tele-lavoratori; lavoratori nascosti. Quando trattiamo delle forme del lavoro atipico, dobbiamo tenere in mente sia gli aspetti positivi che quelli negativi, così come le realtà delle flessibilità della "new economy" e, soprattutto, il benessere del lavoratore. Dal lato positivo, l'occupazione atipica può aiutare gli individui ad entrare nella forza lavoro e può concedere all'individuo il tempo libero per proseguire altri interessi e per dedicarsi alla famiglia. D'altra parte, però, l'occupazione atipica è frequentemente abbinato ad un salario basso, senza indennità (pensione, assicurazione sanitaria, ecc.), inoltre non soddisfa le richieste dei programmi della sicurezza sociale ed è spesso involontario (cioè, il lavoratore preferirebbe un impiego a pieno tempo).

 

4. Il reddito "di base" e gli incentivi al lavoro
Tanta parte della ricerca sui mercati del lavoro s'incentra sull'influsso del welfare sociale e della sicurezza sociale sulla decisione dei lavoratori di optare per un impiego. Quest'approccio è solamente parziale, perché riguarda i costi del welfare sociale e dell'assicurazione senza tenere in mente i benefici significativi e il ruolo necessario che giocano nell'organizzazione efficiente dell'economia e della società. Prima di studiare come il reddito di base influirà sul mercato del lavoro, è importante trattare questo tema pienamente. Quindi, prima discuteremo il ruolo indispensabile della sicurezza sociale e del welfare sociale. Qui vedremo che fanno parte di quelli che si potrebbero chiamare i costi sociali "fissi" della riproduzione sociale (social overhead costs of social reproduction). Poi, esamineremo i due indicatori su cui gli economisti si concentrano quando considerano l'impatto della sicurezza sociale e del welfare sull'attività del mercato del lavoro: il rapporto di sostituzione e il cuneo fiscale.

L'ipotesi che la sicurezza sociale crei un disincentivo a lavorare si basa sul presupposto che i lavoratori saranno meno disposti a prendere un impiego se il reddito netto dell'impiego (al netto delle tasse) non è sufficientemente più alto del sussidio fornito dalla sicurezza sociale. Quindi il rapporto di sostituzione è visto come un disincentivo verso la volontà dei lavoratori di prendere un impiego. Data tutta l'attenzione che questo indicatore ha sollevato nei dibattiti sul reddito di base, è sorprendente quanto siano scarse le prove empiriche per affermarne un significato utile. Inoltre, la conclusione principale di questa letteratura, implicita ed esplicita, è che per ridurre il rapporto di sostituzione si devono ridurre le indennità sociali del welfare, anziché aumentare il reddito netto del lavoro. Il vero problema non è che le indennità del welfare sono troppo generose, ma che non sono universali e che, quando una persona prende un impiego, deve affrontare le tasse marginali alte e la perdita del reddito derivante dalle indennità, e tutti e due agiscono come disincentivi verso l'assunzione di un impiego. Infine, quasi completamente trascurati in questa letteratura sono i vantaggi della sicurezza sociale nel sostegno del mercato del lavoro. Vale la pena di notare questi vantaggi qui, perché qualsiasi cosa che sostituisca il sistema attuale del welfare sociale avrà bisogno di fornire gli stessi effetti benefici.

 

4.1 Le indennità della sicurezza sociale
Innanzitutto, la sicurezza sociale offre molti sostegni al mercato del lavoro, come pensioni, indennità di disoccupazione e altri appoggi diretti e indiretti. Questi contribuiscono all'insieme dei fattori di competitività (competitiveness mix) dell'economia. Poi, le indennità coprono i periodi di malattia e di disoccupazione e sostengono una persona anziana quando ha smesso il lavoro retribuito. Se non esistesse la sicurezza sociale, sarebbero gli imprenditori che dovrebbero contribuire a questi costi attraverso altri mezzi, come un piano migliorato di assicurazione per la malattia o per le pensioni. Quindi, il costo alle imprese di questi piani sarebbe più alto di quanto non lo sia attualmente.

È allora utile sia per i lavoratori che per gli imprenditori che esista un sistema di sicurezza sociale. C'è una distinzione fra i costi reali e completi di produzione e i costi pagati in realtà da un'impresa per una qualsiasi attività di produzione. Il costo reale della riproduzione della società deve essere pagato, ma una parte grande di questo costo non è pagato attraverso i rapporti di mercato. Una parte di questo costo è per i lavoratori disoccupati. Un'altra parte è per quelli che lavorano nell'economia sociale o nella produzione familiare; tutti e due forniscono lavoro necessario alla riproduzione sociale, ma sono fuori dei rapporti tradizionali del mercato. In condizioni normali, queste due attività sono coperte dalla compensazione a carico di un membro della famiglia (cioè, un genitore che lavora in un impiego retribuito sostiene finanziariamente l'altro genitore, che lavora nella produzione familiare). Una parte dei costi di gestione della produzione sul mercato è tramite la produzione necessaria della famiglia, e se il mercato è pienamente efficiente, questa seconda sarà retribuita attraverso il salario del lavoratore nell'economia del mercato. Il sostentamento della maggioranza della gente che sono fuori del mercato (i pensionati, i bambini, gli adulti che lavorano a casa, gli handicappati, i disoccupati) si rivolge alla sicurezza sociale e al welfare, per integrare i loro redditi. Dunque, il risultato finale della sicurezza sociale e del welfare è necessario per qualsiasi società civilizzata. Le uniche domande che rimangono sono: questo sistema retribuisce pienamente tutti coloro che contribuiscono alla società? Questo sistema è il più efficiente per coprire i costi sociali, cioè, non crea altri problemi, come le trappole della povertà o della disoccupazione?

 

4.2 Incentivi e disincentivi
Quasi tutte le analisi standard sull'influenza delle tasse e del welfare sociale sul comportamento del mercato del lavoro si concentrano sulle due variabili: il rapporto di sostituzione e il cuneo fiscale (tax wedge).

Il cuneo fiscale
Il "cuneo fiscale" è la differenza fra i costi sostenuti dall'imprenditore per l'assunzione di un lavoratore (il salario più i contributi alla sicurezza sociale) e il reddito del lavoratore dopo le tasse e le indennità (il reddito netto). È assunto da molti teorici che questo cuneo influenza il tasso di occupazione in due modi: 1) siccome il costo per l'imprenditore è aumentato, assumerà meno occupati (presupponendo una curva discendente della domanda di lavoratori); 2) presupponendo che l'offerta di lavoratori è determinata dal reddito netto del lavoro, siccome il cuneo riduce il reddito che i lavoratori ricevono, riduce anche l'offerta da parte dei lavoratori. Tutte e due queste spiegazioni del funzionamento del mercato del lavoro sono da prendere con cautela. L'effetto negativo del cuneo fiscale sull'assunzione di lavoratori da parte dell'imprenditore è previsto perché si assume che egli paga questa tassa, mentre in realtà, la maggioranza, se non tutta, è pagata da altri (consumatori, lavoratori con un salario più basso). Anche l'influsso del "cuneo" sulla disponibilità dei lavoratori ad essere assunti è problematico. È ben conosciuto che gli uomini e le donne non sposate non reagiscono quasi mai a cambiamenti nelle tasse; sono solamente le donne sposate che sono più sensibili a questi cambiamenti. Questo fatto empirico è spiegabile da fattori culturali e sociali, così come dalla necessità di guadagnarsi la vita dato che il sistema della sicurezza sociale dà proprio il minimo (se non meno) per vivere. Questi fattori sono più importanti di quelle che gli economisti pensano essere le determinanti delle attività umane. Un altro argomento utilizzato dagli economisti è che il cuneo fiscale non influisce sulla propensione del lavoratore a prendere un impiego, ma piuttosto sul numero di ore che è disposto a lavorare. Ma questa spiegazione non tiene conto del fatto che la maggioranza di lavoratori non possono controllare il numero di ore che lavorano; la parte del mercato del lavoro dove si vede questo fenomeno è quella delle donne sposate, e abbiamo già detto che questo gruppo reagisce in rapporto ai cambiamenti di tasse o di salari. Infine, possiamo osservare che tutto questo discorso s'incentra solamente sull'aspetto delle tasse come un costo, e ignora tutti i vantaggi della sicurezza sociale, che sono probabilmente più alti dei costi. Quello che vuole l'imprenditore, secondo i proponenti della teoria che il cuneo fiscale crea disoccupazione, è di essere un free rider, cioè di avere i vantaggi del sistema di sicurezza sociale (che è un costo legittimo di produzione) senza dover pagare la loro giusta parte. Dato che la prova empirica suggerisce che il costo di questo è normalmente passato al consumatore, non sembra che esso rientri nel calcolo dell'imprenditore per quanto riguarda l'assunzione dei lavoratori.

Nei grafici, utilizzando i dati relativi all'Irlanda, si può vedere il cuneo fiscale calcolato nella situazione attuale dei lavoratori e nella situazione con un sistema di reddito di base. Il grafico 1 mostra quale sia la situazione per una coppia sposata, con un solo salario e nessun bambino. Si vede che, mentre esiste un cuneo fiscale per i lavoratori con un salario basso nel sistema attuale, nel sistema del reddito di base, questi invece hanno un cuneo fiscale "negativo" oppure un sussidio sul salario, cioè, il loro reddito è più alto del costo del lavoro. Se accettassimo la logica dell'argomento sul cuneo fiscale come un disincentivo ad assumere un impiego, uno negativo dovrebbe agire come un incentivo ad assumere un impiego. Nel grafico 2 è invece rappresentata la situazione sotto i due sistemi di una coppia sposata con un salario e due bambini. Qui, anche se il sistema attuale mostra, come il sistema del reddito di base, un cuneo fiscale "negativo" a bassi livelli, il secondo continua a dare il risultato negativo per un reddito medio, quando non lo è ancora con il sistema attuale. Similmente, con il reddito di base, il cuneo fiscale per questa famiglia è sempre più favorevole che il sistema attuale, anche a livelli di reddito più alto. Il grafico 3 ci fa vedere una situazione simile per una coppia sposata con due bambini e due redditi. L'ultimo esempio è di una persona singola (grafico 4), e anche qui, il sistema di reddito di base crea un cuneo fiscale che va meglio o è uguale a quello del sistema attuale ad ogni livello di reddito. Complessivamente, si vede che, nei termini dell'analisi del cuneo fiscale, il sistema di reddito di base è molto migliore del sistema attuale, fornendo incentivi forti ad optare per un impiego.

 

4.3 Il rapporto di sostituzione
L'argomento che un alto rapporto di sostituzione fa crescere la disoccupazione è molto simile a quello sul cuneo fiscale. Il rapporto di sostituzione è la differenza fra il reddito guadagnato da un impiego e i sussidi ricevuti quando si è disoccupato. Come nella discussione sul cuneo fiscale, è considerato solamente l'aspetto negativo dell'assistenza per i disoccupati. Il sussidio dei disoccupati concede loro di continuare a consumare beni e servizi (anche se ad un livello inferiore). Questo contribuisce alla domanda aggregata nell'economia ed è uno degli stabilizzatori automatici che agisce in modo da impedire lo sbocco di una recessione verso la depressione. In più, perché sia valido questo argomento, deve esistere un numero sufficientemente alto di posti di lavoro liberi per assorbire tutti i disoccupati, in modo che la disoccupazione sia causata dalla loro scelta di restare disoccupati. Dato che non si è mai verificata una situazione di un tasso alto di disoccupazione con allo stesso tempo livelli alti di posti liberi, questa spiegazione sembra essere falsa. L'idea che sono i lavoratori a determinare il livello di disoccupazione sembra porre il problema in modo inverso rispetto alla realtà. Per quanto riguarda il reddito di base, il rapporto di sostituzione non sembra avere molto significato, dato che tutti lo possono ricevere e tenere anche quando trovano un impiego pagato.

Il rapporto di sostituzione è progettato per misurare la "trappola della disoccupazione". Queste "trappole" esistono quando un disoccupato non migliorerebbe molto la sua situazione economica se prendesse un impiego pagato. In casi estremi, la persona disoccupata sarebbe in una situazione peggiore se accettasse un impiego pagato. Questo crea un disincentivo ad assumere un impiego pagato. Le tavole 5 - 8 mostrano che quando si paragonano i rapporti di sostituzione nel sistema attuale (in Irlanda) con quelle con il sistema del reddito di base, solamente i rapporti a salari alti sono peggiori con il reddito di base (ma a questi livelli di salario, i rapporti di sostituzione non hanno un significato economico). A livelli bassi del salario (dove questo indicatore ha senso), i rapporti sono più bassi, cioè, secondo la logica dei rapporti di sostituzione, c'è più incentivo a trovare un impiego retribuito nel sistema del reddito di base che nel sistema attuale.

 

5. Il reddito di base e la competitività
Per i Governi che sono quelli che devono prendere la responsabilità dell'introduzione di un sistema di reddito di base, una delle questioni principali da affrontare è come questo sistema potrebbe influire sulla posizione di competitività della economia del paese. Molto su questo tema è già stato discusso in riferimento al mercato del lavoro. Ci sono due aspetti da considerare in più: la formazione e i costi del lavoro. Nella "new economy" la formazione continuerà attraverso tutta la vita. Nel passato, era normale per uno studente andare all'università, studiare, ricevere il diploma, e poi trovare un impiego (anche se le professioni avevano sempre la formazione permanente, e per i posti non-professionali, c'era sempre la formazione nell'impresa suil posto di lavoro). Nel futuro, sarà più fluido il rapporto fra lavoro e formazione, e la gente avrà bisogno di passare dall'uno all'altro in diversi periodi della vita per mantenere le proprie competenze e quindi per sostenere la competitività dell'economia. Il sistema del reddito di base sostiene quest'economia, perché mentre studiano, le persone ricevono abbastanza per vivere. Quindi, il sistema del reddito di base sostiene questa forma di flessibilità del mercato del lavoro. In questo modo, sostiene lo sviluppo del "capitale umano" e anche la formazione nelle scuole medie e nei licei, perché i genitori possono svolgere un ruolo più attivo nella formazione dei loro ragazzi.

Nel passato, paesi come l'Irlanda hanno attratto datori di lavoro in parte perché i salari erano bassi. Quale effetto avrà il reddito di base sui salari? Probabilmente, a livelli di salari medi e alti, non ci sarà nessun effetto. A livelli bassi, potrebbe essere che i salari scendano (perché i datori di lavoro pensano al reddito che i dipendenti guadagnano dallo Stato e riducono il salario d'una somma equivalente). Ma, dove c'è un salario minimo, questa riduzione ad un certo punto è bloccata. Questo minimo è importante per i lavoratori poveri, per mantenere il loro reddito e per non perdere tutti i vantaggi del nuovo sistema con una riduzione nei salari. Ma che cosa significa per la competitività? La cosa da fare è competere sulla base della produttività dell'economia; questo consente che i salari salgano quando la produttività sale di più senza creare problemi per la competitività, invece di basarsi sul livello basso dei salari. Anche se i salari sono più bassi nell'Irlanda che nel resto d'Europa, sono più alti di quelli indiani, e nessuno vuole che scendano per competere direttamente con l'India sul questa base.

Questo testo è una versione semplificata e tradotta del capitolo 5 del rapporto "Sharing Progress/Ensuring Progress" (forthcoming).

 


Bibliografia

Department of Finance, Budget 2000,. Dublin: Department of Finance.

National Competitiveness Council, Annual Competitiveness Report, 2000, Dublin: National Competitiveness Council.

Standing, Guy, Global Labour Flexibility, London, Macmillan Press Ltd., 1999.

 

 

I GRAFICI

 

image004

image007

image010

image013

image016

image019

image022

image025

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione